Biografia

 

Bosco Francesco; in arte FRANCISCO GARDEN, nasce nel 1977 in un piccolo paese della Calabria San Lorenzo del Vallo. Si diploma presso l'Istituto d'Arte di Castrovillari prosegue gli studi laureandosi in D.A.M.S. Con indirizzo Multimediale. Nel 2009 si trasferisce a Castelfranco Veneto (TV), dove grazie ad un amico originario del Brasile: Jorge Nunes; scopre la passione per l'argilla. Ispirazione, istintività e capacità di plasmare forme, portano l'artista a sviluppare un suo stile personale. Nel 2012 crea il premio scultura PYNTHANOMAY conferito al giornalista Luciano Musolino, testata giornalistica “Diritto di cronaca” Direttore Emanuele Malilì Armentano. Nel 2014 la personale di scultura dal titolo "DALLA TERRA" mostra presentata da Fausto Taverniti Direttore Tg3 Basilicata in collaborazione con la sede Tg3 Calabria. Le critiche a cura di Alfredo Pasolino critico d'arte internazionale. Nel 2015 partecipa con ben quattro opere all'International Contemporary Art EXPOMI 2015 Direttore artistico della manifestazione il critico e storico d'arte Giorgio Grasso e l'artista internazionale Bosmat Niron. Nel 2016 si trasferisce in Toscana in provincia di Prato, realizza il trofeo "Il San Michele di Carmignano" per il "Teatro in strada". Presto arriva una proposta importante una bipersonale presso l'antica fornace di Capraia Fiorentina con L'artista internazionale Alejandro Garcìa. L’artista dopo una permanenza di un anno ed alcune esperienze artistiche in Toscana, rientra in Calabria. Nel 2017 partecipa al Premio Internazionale d’Arte Contemporanea “ARTE SENZA CONFINI” Curato dall’artista Giovanna Capraro e dal critico e storico d’arte Giorgio Grasso. Nel 2017 vede l'artista con nuove occasioni, l’artista di origine portoghese Emanuel Aguiar immortala Francisco Garden in una sua opera surrealista dal titolo “ARTISTA”. Nel frattempo partecipa ad altre rassegne. In questo periodo un riconoscimento importante gli viene assegnato, il Premio "MARCO FATTORI" a Francisco Garden come artista emergente. Sempre nello stesso anno vede la collaborazione con l’artista sardo Alessandro Pili per il catalogo “URBAN JAZZ” pubblicato online sul sito web dell'artista. L’Anno 2018 si apre con la scultura “LA MIA VANITÀ” pubblicata nel catalogo “LO STATO DELL'ARTE AI TEMPI DELLA BIENNALE DELLA 57 BIENNALE DI VENEZIA” curatore padiglione Armenia Giorgio Grasso. Pprosegue con nuove collaborazioni un nuovo catalogo dal titolo "TEMPS D'ENFANT" su questo tema l'artista vuole soffermarsi anche per quanto riguarda il genere pittorico definito dal grande critico internazionale Alfredo Pasolino "ASTRATTISMO ONIRICO" visto lo stile dell'artista Garden. Non è tutto il catalogo oltre a contenere le opere dell'artista e le critiche, si arricchisce di altre perle inedite poesie composte appositamente per le opere di Garden. Prendono parte a questo progetto le poetesse artiste Annarita Viscido, Anna De Filpo, Ale Theia, Laura Ficco, Stefania Melani, Rossella Miceli, infine Davide Rocco Colacrai.

In questo nuovo anno nuovi progetti attendono l'artista.

 


 L’artista di origine portoghese Emanuel Aguiar immortale Francisco Garden in una sua opera surrealista dal titolo “ARTISTA”.